Fasano: Multe da record ma strade pericolose e non manutenute, infrastrutture e servizi stradali inadeguati

5' di lettura 19/11/2022 - Con grande stupore vediamo apparire sui media locali il viso contento del nostro Sindaco Zaccaria, felice per aver introitato da inizio anno oltre 80.000 euro al mese, grazie ad una campagna di multe a tappeto. A dichiararlo sono Fratelli d’Italia, Circoli Nuova Fasano e Movimento In Comune.

Peccato che questo milione di euro, perché a fine 2022 questa sarà la cifra, sia drenato dalle tasche dei cittadini fasanesi, multando tutto il possibile e anche l'impossibile.
Ci si chiede: ma tra le somme rivenienti dalle multe ci sono anche quelle per divieto di sosta?

Perché se così fosse, bisognerebbe che il Sindaco si ricordasse che in campagna elettorale ha promesso, per farsi eleggere (sia la prima che la seconda volta!!!), la realizzazioni di nuovi parcheggi in città ed invece, forse lo ha dimenticato, non solo non è stato realizzato un bel niente ma al contrario ha eliminato stalli esistenti, chiuso strade e piazze (vedi Piazza Mercato Vecchio) in nome di lavori che ormai sono diventati perenni, non essendoci certezza sulla fine dei lavori e sulla loro riapertura, con enormi disagi in primis ai residenti e, contestualmente, a tutta la popolazione fasanese.

Ci si chiede, altresì, ma tra quelle somme incamerate vi sono anche quelle per i presunti abbandoni di spazzatura nei pressi delle isole ecologiche? Come se chi volesse abbandonare rifiuti non avesse più comodità a farlo direttamente per strada. Forse l’amministrazione dovrebbe interrogarsi sul perché le isole ecologiche siano sempre piene e prevedere, vista la popolazione attuale, delle isole più capienti o pretendere dal concessionario un servizio più mirato ed efficace.

Non si può multare un cittadino che si è recato sul posto per depositare la busta dei rifiuti, partendo a piedi o in macchina da chissà dove, e pretendere che la colpa del servizio non reso sia del cittadino e non di chi lo offre. Ironia della sorte, poi, non si multa e/o non si controlla chi abbandona indiscriminatamente rifiuti in ogni angolo del paese e delle sue campagne.

Ma il Sindaco è al corrente che le famiglie italiane sono letteralmente vessate da prezzi dell'energia ormai insostenibili e da una crisi economica incombente? Forse quando se ne parla è preso da altro.

Il nostro Sindaco, così zelante nel vessare i fasanesi per le loro cattive condotte, sa che ogni notte gli automobilisti in transito rischiano di schiantarsi alla rotatoria "ex-Matarano"? Qualcuno lo ha messo al corrente, tra assessori e consiglieri di corte, che la stessa rotatoria (già collaudata da ANAS), non è ancora illuminata e, di fatto, quasi invisibile?
Per non parlare della rotatoria in ingresso al paese, sulla tanto decantata SS 172 e biglietto da visita in entrata a Fasano, che non ha ancora un minimo di arredo ed è già in avanzato stato di degrado e abbandono. I tanto attenti amministratori sinistri perché non hanno ancora previsto un bando per affidamento ai privati, come per altre rotatorie, per far sì che la stessa sia manutenuta e pulita tutto l’anno? Semplicemente vergognoso.

Il nostro caro Sindaco sa che nella Zona Industriale Nord è stata realizzata una rotatoria in una zona a traffico praticamente nullo? E che, colmo dei colmi, non è nemmeno stata completata? A nostro modesto avviso sarebbe forse stato più urgente e opportuno farla 100 metri prima dove l’uscita dalla statale 16 si interseca con Via Roma. Avrebbe permesso di creare un ingresso in città molto più utile ed agevole (rispetto a quella in uscita più avanti e che dalla SS 16 immette sulla SS 172).

Questo è il modo in cui vengono utilizzati i soldi delle multe, per opere inutili che non aggiungono nulla alla sicurezza stradale?

Come giustamente recita l’articolo di stampa, il codice della strada stabilisce che minimo il 50 % degli introiti ricavati dalle contravvenzioni in “generale” degli enti locali (ad esclusione di quelle con eccesso di velocità che devono essere utilizzate al 100%) debbano essere utilizzate per: interventi di sostituzione, ammodernamento, potenziamento, messa a norma e manutenzione della segnaletica stradale; potenziamento delle attività di controllo; mezzi ed attrezzature dei corpi, servizi di Polizia Municipale; sicurezza stradale innanzitutto la manutenzione; interventi a tutela degli utenti deboli; corsi di educazione stradale e prove di guida sicura. Signor Sindaco “potenziamento delle attività di controllo” sta a significare che è lecito utilizzare i proventi ottenuti dalle sanzioni per acquistare e/o fare manutenzione agli impianti di videosorveglianza, utili a migliorare la sicurezza stradale e soprattutto territoriale. Cosa che lei non fa e non ha mai preso in dovuta considerazione.

Con questo nostro monito vogliamo che il Comune di Fasano dia informazioni concrete ai cittadini sull’utilizzo dei proventi e li impieghi per opere e attività realmente utili poiché, ad oggi, questo non avviene; c’è poca attenzione e trasparenza rispetto alla gestione dei proventi delle sanzioni amministrative.

Senza ombra di dubbio alla base della società civile sta l'importantissimo concetto del rispetto delle regole; una cosa che si impara fin da bambini e che porta a diventare d'esempio per il prossimo.

Signor Sindaco e amministratori, che sia un servizio riscossioni a dir poco approssimativo o sia una raccolta di denaro tramite multe, il risultato che ad oggi ne scaturisce è sempre quello di danneggiare i cittadini visto che non si rendono loro i servizi che dovrebbero spettare e per cui, tra l’altro, vi hanno votato.

Grazia NEGLIA – Fratelli d’Italia

Antonio SCIANARO – Circoli Nuova Fasano

Antonio COFANO – Movimento “In Comune”


di Gino Latino

redazione@viverepuglia.it  







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-11-2022 alle 21:07 sul giornale del 19 novembre 2022 - 8 letture

In questo articolo si parla di attualità, sicurezza, strade, sicurezza stradale, bari, sindaco, rotatoria, comune, lecce, Taranto, foggia, brindisi, puglia, videosorveglianza, sicurezza sulle strade, fratelli d'italia, fdi, provincia di brindisi, bat, fasano, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dDEM





logoEV